Tomi Ungerer e un libro per chi non vuole andare a dormire

Tomi Ungerer è stato per certo e già dagli anni ’60 una delle voci in controtendenza rispetto alla narrativa tradizionale, aprendo il mondo dei piccoli alla realtà e all’ironia più sagace e a personaggi scomodi per la cultura della sua epoca, muovendosi a proprio agio fra affiches per il cinema, volumi erotici, illustrazione satirica e tanti tanti libri per bambini.

E trovando per questo un clima ostativo soprattutto negli Stati Uniti, che gli fece guadagnare il bando dalle biblioteche americane. 

Proprio per la sua spericolatezza ed il suo genio inconfutabile nelle invenzioni grafiche e visuali egli nel 1998 vinse il Premio Hans Christian Andersen per il miglior illustratore, e nel 2002 l’italiano premio Andersen per il migliore autore. Oltre che numerose onorificenze

Ma è altrettanto vero che insieme ad altri scrittori di letteratura per l’infanzia egli si pose sempre, per vocazione e spirito, al confine del “pensare comune”. 

Un pò come Astrid Lindgren o Tove Jansson, Maurice Sendak o come Raymond Briggs o Ludwig Bemelmans o ancora Roald Dahl (per citare solo alcuni fra gli autori “atipici” del XX secolo), mi piace pensare a Tomi Ungerer come un “fuori legge” della letteratura per l’infanzia, armato di volta in volta di matita o di penna per combattere ogni deriva moralistica, convenzionale, ogni visione del mondo bambino intrisa di tradizione sociale e pedanteria pedagogica. 

A pensarci bene, questi “fuori legge” possono in qualche modo essere assimilati ai tanti antieroi o a quelle figure cariche di fascino e di mistero che popolano la loro letteratura, che abbiamo imparato a conoscere, e che nei libri per l’infanzia la traghettano verso una consapevolezza la quale nulla ha a che vedere con l’universo adulto, anzi vi si contrappone in maniera critica, spesso caustica. 

Baruffe e facce buffe
Tomi UngererWilliam Cole ; traduzione di Alessandro Riccioni, LupoGuido Editore, febbraio 2002

Fatta questa premessa, il 3 febbraio sarà pubblicato da LupoGuido Editore “Baruffe e facce buffe. Un libro per chi non vuole andare a dormire”

L’autore è William Cole: americano, editore – ricopre il ruolo di direttore pubblicitario presso Alfred A. Knopf, direttore pubblicitario ed editore presso Simon & Schuster ed editore di William Cole Books presso Viking Press – editorialista, autore e scrittore di “verso leggero”. Ha prodotto circa 75 libri, la maggior parte dei quali antologie. Le sue sono poesie irriverenti, ironiche, giocate sul non sense, l’allitterazione spinta all’eccesso, sottili ed affilate.

Tomi Ungerer ha illustrato questa come numerosissime sue raccolte, poiché nelle sue parole riconosceva quella carica sovversiva che lo accomunava alle sue opere. 

Va detto che la traduzione poetica di “Baruffe e facce buffe” è affidata ad Alessandro Riccioni, a sua volta poeta e autore di libri per l’infanzia.

Insomma, già da queste premesse si può ben capire come questo libro sia una piccola perla editoriale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_3981-1-768x1024.jpg
Baruffe e facce buffe
Tomi UngererWilliam Cole ; traduzione di Alessandro Riccioni, LupoGuido Editore, febbraio 2022

E già sappiamo che quello che in apparenza potrebbe profilarsi come uno dei tanti innocui libri per la buona notte, nelle mani di Ungerer si trasforma in qualcos’altro. Bisogna dire che Cole offre all’illustratore alsaziano una grandissima occasione per dimostrarlo.

Ci sono tre fattori principali che connettono questo libro con il mondo dell’infanzia e che vanno attribuiti in parte a Ungerer, che come sempre riesce ad avere un canale privilegiato con il mondo bambino, ed in parte a Cole.

C’è la narrazione che trasporta nel terreno fecondo dell’immaginazione attiva, nel mondo sospeso ed eterno del “C’era una volta”, in una dimensione in cui lo scorrere del tempo quotidiano rallenta fino a fermarsi e scivola in una realtà priva di orologi e lancette che ticchettano. Questo libro di fatto è espediente narrativo, è costruzione sapiente di una storia, è varco verso l’immaginifico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_3984-1-865x1024.jpg
Baruffe e facce buffe
Tomi UngererWilliam Cole ; traduzione di Alessandro Riccioni, LupoGuido Editore, febbraio 202

In secondo luogo c’è il gioco, altro elemento con cui congiungerci al mondo dell’infanzia.

“Facciamo che io ero”.

Alla bambina che non vuole andare a dormire il papà propone un diversivo. Quello delle boccacce.

E quelle boccacce non sono altro che la rappresentazione visiva degli innumerevoli stati d’animo che transitano nel cuore dei bambini e molto spesso siamo noi adulti a censurare.

“Non fare quella faccia che ti rende bruttino/a”.

Che purtroppo equivale inconsciamente a “non provare quel sentimento perché non si addice ad un bambino”. 

Queste pagine rappresentano per Ungerer la possibilità di rappresentare visivamente i bambini per quello che sono. Di riconoscere loro la possibilità di essere poco desiderabili, anche brutti, grotteschi nelle loro espressioni e nelle loro manifestazioni. Ironici, arrabbiati, tristi, spaventati, sorpresi, riflessivi, divertiti, spensierati, preoccupati, ma sopra ogni cosa liberi. Liberi di essere bambini. Liberi di essere.

Baruffe e facce buffe
Tomi UngererWilliam Cole ; traduzione di Alessandro Riccioni, LupoGuido Editore, febbraio 2022

Come terzo elemento abbiamo la parola declinata in poesia, in versi che ci riportano ad una lingua primordiale. Ai giochi dell’infanzia. Ad una lingua che si fa ritmo e suono. Un linguaggio a portata di bambino senza mai sfiorare la banalità. Un linguaggio che rispecchia gli stati d’animo richiamati di volta in volta da un papà che prende sul serio sua figlia, fino a farla transitare dal mondo della fantasia a quello onirico. Perché come diceva Munari, “Giocare è una cosa seria”. 

Baruffe e facce buffe
Tomi UngererWilliam Cole ; traduzione di Alessandro Riccioni, LupoGuido Editore, febbraio 2022

©ZazieVostok

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. We also share information about your use of our site with our social media, advertising and analytics partners. View more
Cookies settings
Accept
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie name Active

Who we are

Suggested text: Our website address is: https://www.zazievostok.it.

Comments

Suggested text: When visitors leave comments on the site we collect the data shown in the comments form, and also the visitor’s IP address and browser user agent string to help spam detection.

An anonymized string created from your email address (also called a hash) may be provided to the Gravatar service to see if you are using it. The Gravatar service privacy policy is available here: https://automattic.com/privacy/. After approval of your comment, your profile picture is visible to the public in the context of your comment.

Media

Suggested text: If you upload images to the website, you should avoid uploading images with embedded location data (EXIF GPS) included. Visitors to the website can download and extract any location data from images on the website.

Cookies

Suggested text: If you leave a comment on our site you may opt-in to saving your name, email address and website in cookies. These are for your convenience so that you do not have to fill in your details again when you leave another comment. These cookies will last for one year.

If you visit our login page, we will set a temporary cookie to determine if your browser accepts cookies. This cookie contains no personal data and is discarded when you close your browser.

When you log in, we will also set up several cookies to save your login information and your screen display choices. Login cookies last for two days, and screen options cookies last for a year. If you select "Remember Me", your login will persist for two weeks. If you log out of your account, the login cookies will be removed.

If you edit or publish an article, an additional cookie will be saved in your browser. This cookie includes no personal data and simply indicates the post ID of the article you just edited. It expires after 1 day.

Embedded content from other websites

Suggested text: Articles on this site may include embedded content (e.g. videos, images, articles, etc.). Embedded content from other websites behaves in the exact same way as if the visitor has visited the other website.

These websites may collect data about you, use cookies, embed additional third-party tracking, and monitor your interaction with that embedded content, including tracking your interaction with the embedded content if you have an account and are logged in to that website.

Who we share your data with

Suggested text: If you request a password reset, your IP address will be included in the reset email.

How long we retain your data

Suggested text: If you leave a comment, the comment and its metadata are retained indefinitely. This is so we can recognize and approve any follow-up comments automatically instead of holding them in a moderation queue.

For users that register on our website (if any), we also store the personal information they provide in their user profile. All users can see, edit, or delete their personal information at any time (except they cannot change their username). Website administrators can also see and edit that information.

What rights you have over your data

Suggested text: If you have an account on this site, or have left comments, you can request to receive an exported file of the personal data we hold about you, including any data you have provided to us. You can also request that we erase any personal data we hold about you. This does not include any data we are obliged to keep for administrative, legal, or security purposes.

Where we send your data

Suggested text: Visitor comments may be checked through an automated spam detection service.

Save settings
Cookies settings