“Di cosa parlano i libri per l’infanzia”, il nuovo libro di Giorgia Grilli

Ho sempre considerato il mio scrivere di albi o di libri per l’infanzia come l’opportunità di offrire una bussola per orientarsi nel mondo dell’editoria. Una voce personale che permettesse di decifrare questa o quella pubblicazione alla luce delle mie competenze e conoscenze. 

Perché alle mie spalle, ci sono saggi che mi hanno segnata nel mio percorso di crescita e di ricerca in un ambito particolarmente delicato e complesso qual è quello della letteratura per l’infanzia. 

Ho già parlato del potenziale che hanno gli albi, i libri illustrati, la letteratura, la poesia per la crescita cognitiva ed emotiva del bambino. 

Oggi mi trovo ad avere per le mani l’opera di un’autrice che mi ha accompagnata in questi anni, grazie alla quale orizzonti di significato si sono aperti di fronte a me e mi hanno aiutata a capire se la rotta che stavo seguendo era quella giusta, se il mio occhio fosse abbastanza allenato, onesto anche spietato nel considerare il mio lavoro.Questa autrice è Giorgia Grilli che ha pubblicato da poco per Donzelli “Di cosa parlano i libri per bambini. Letteratura per l’infanzia come critica radicale”

“Di cosa parlano i libri per bambini. La letteratura per l’infanzia come critica radicale”, Giorgia Grilli, Donzelli Editore, 2021

Giorgia Grilli insegna letteratura per l’infanzia presso l’Università di Bologna ed è cofondatrice del Centro di ricerche in letteratura per l’infanzia del Dipartimento di scienze dell’educazione «Giovanni Maria Bertin». È membro di numerosi comitati scientifici e gruppi di ricerca internazionali e ha tradotto testi di saggistica e di narrativa di autori quali Jack Zipes, Alison Lurie, David Almond, Neil Gaiman e Aidan Chambers. Innumerevoli i saggi e i volumi pubblicati. 

“Di cosa parlano i libri per l’infanzia” è il risultato di una ricerca ventennale, che mi permetto di definire imprescindibile per chi senta il bisogno di comprendere cosa sia la letteratura per l’infanzia. Il primo discrimine che Grilli ci pone di fronte è la sua contrapposizione con l “editoria per l’infanzia” (non l’editoria tout court ovviamente), ma quel genere di libri che intendano impartire ai bambini qualsivoglia lezione o che desiderino intrattenerli in maniera superficiale e faceta. Questo tipo di editoria da per scontato cosa sia il mondo bambino, quali siano i suoi bisogni, sentimenti, umori e spesso lo considera come semplice “target” commerciale, non prende in considerazione la complessità dell’universo infantile e lo sminuisce.

Fatta questa premessa, Giorgia Grilli solleva all’inizio del libro un interrogativo fondamentale e spiazzante:

Cosa sappiamo dell’infanzia?

Cosa sappiamo di ciò che eravamo e non siamo più? 

Grilli ci invita a spogliarci di ogni presunzione. 

L’unico modo di essere davvero rispettosi nei confronti dell’infanzia è riconoscere la sua totale alterità. I bambini per struttura ontologico-esistenziale abitano un luogo lontano che ci è precluso. 

Eppure c’è stato un periodo, nella storia della letteratura, che è quello vittoriano, che si è intrecciato strettamente a questo mondo liminale e al suo sentire. 

La vita di questi narratori di storie si è intimamente allacciata a figure bambine che ne hanno ispirato le opere più belle.

E questi sono divenuti esempi di una letteratura che potesse parlare all’infanzia perché filtrata dalle parole dell’infanzia. I cui autori si sono confrontati con una dimensione esistenziale diversa dalla propria, attraverso un processo creativo che è stato anche decentramento dal proprio sé adulto. 

Grilli propone nomi e analizza opere. Da “Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie” di Lewis Carroll al ciclo di “Mary Poppins” di P. L. Travers, da “Peter Pan”, di J. M. Barrie a “Le avventure di Pinocchio” di Carlo Collodi”. Da “Winnie the Puh” di A. A. Milne a “L’isola del tesoro” di Robert Louis Stevenson, passando per “Le avventure di Peter Coniglio” di Beatrix Potter. 

“Di cosa parlano i libri per bambini. La letteratura per l’infanzia come critica radicale”, Giorgia Grilli, Donzelli Editore, 2021 – Immagine dell’illustratore Ernest Shepard che ritrae Christopher Robin con Winny Puh
“Di cosa parlano i libri per bambini. La letteratura per l’infanzia come critica radicale”, Giorgia Grilli, Donzelli Editore, 2021 – Carlo Collodi, Le Avventure di Pinocchio nelle varie edizioni pubblicate fra cui quella illustrata da Attilio Mussino e pubblicata da Benporad, Firenze 1911

Sulle pagine di questo libro compaiono addirittura le foto di questi piccoli amici, i loro sguardi, spesso “nostalgici e persi in un mondo altro”, come per le bambine di Carroll, che solo il linguaggio  artistico era ed è in grado di avvicinare e di cogliere.

“Di cosa parlano i libri per bambini. La letteratura per l’infanzia come critica radicale”, Giorgia Grilli, Donzelli Editore, 2021 – Fotografie di Charles Lutwidge Dodgson (Lewis Carroll)

 

Grilli attinge agli ambiti più svariati del sapere: la filosofia, l’antropologia, le teorie evolutive e quelle educative, l’arte e l’illustrazione. Percorre secoli, spazi geografici e generi editoriali arrivando persino al cinema per dare a questa pubblicazione una solidità insindacabile. 

“Di cosa parlano i libri per bambini. La letteratura per l’infanzia come critica radicale”, Giorgia Grilli, Donzelli Editore, 2021 – Maurice Sendak, Nel paese dei mostri selvaggi, Adelphi, 2018

Se vogliamo davvero affacciarci sul mondo dell’infanzia e provare a comprenderla, ci dice Grilli, possiamo farlo attraverso la letteratura per e dell’infanzia. 

Scopriremo allora cosa c’entra il Darwinismo con la sua origine più pura, quali figure, personaggi, topos ed elementi vi si ritrovino nel tempo, quali siano gli stati imprevedibili che abitano l’animo dei più piccoli, come ci vedano  attraverso i loro occhi (e quanto sia scomoda per noi questa presa di coscienza), quanto ci sia di erosivo e massimamente critico e sovversivo nella letteratura per l’infanzia rispetto alla conformità sociale. Perché sovversiva è l’infanzia, nella sua intima natura.

E quanto abbia da dirci l’infanzia e dunque la letteratura per l’infanzia su quello che siamo diventati e quello che “essenzialmente”, nel nostro nucleo più autentico, siamo. 

“Di cosa parlano i libri per bambini. La letteratura per l’infanzia come critica radicale”, Giorgia Grilli, Donzelli Editore, 2021 – A destra “Alice in Wonderland”, ill. di Iassen Ghiuslev; A sinistra dall’alto Fratelli Grimm, “Hansel & Gretel, ill. di L. Zwerger; In basso: Fratelli Grimm, “Biancaneve”, ill. W. Gag

©ZazieVostok

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. We also share information about your use of our site with our social media, advertising and analytics partners. View more
Cookies settings
Accept
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie name Active

Who we are

Suggested text: Our website address is: https://www.zazievostok.it.

Comments

Suggested text: When visitors leave comments on the site we collect the data shown in the comments form, and also the visitor’s IP address and browser user agent string to help spam detection.

An anonymized string created from your email address (also called a hash) may be provided to the Gravatar service to see if you are using it. The Gravatar service privacy policy is available here: https://automattic.com/privacy/. After approval of your comment, your profile picture is visible to the public in the context of your comment.

Media

Suggested text: If you upload images to the website, you should avoid uploading images with embedded location data (EXIF GPS) included. Visitors to the website can download and extract any location data from images on the website.

Cookies

Suggested text: If you leave a comment on our site you may opt-in to saving your name, email address and website in cookies. These are for your convenience so that you do not have to fill in your details again when you leave another comment. These cookies will last for one year.

If you visit our login page, we will set a temporary cookie to determine if your browser accepts cookies. This cookie contains no personal data and is discarded when you close your browser.

When you log in, we will also set up several cookies to save your login information and your screen display choices. Login cookies last for two days, and screen options cookies last for a year. If you select "Remember Me", your login will persist for two weeks. If you log out of your account, the login cookies will be removed.

If you edit or publish an article, an additional cookie will be saved in your browser. This cookie includes no personal data and simply indicates the post ID of the article you just edited. It expires after 1 day.

Embedded content from other websites

Suggested text: Articles on this site may include embedded content (e.g. videos, images, articles, etc.). Embedded content from other websites behaves in the exact same way as if the visitor has visited the other website.

These websites may collect data about you, use cookies, embed additional third-party tracking, and monitor your interaction with that embedded content, including tracking your interaction with the embedded content if you have an account and are logged in to that website.

Who we share your data with

Suggested text: If you request a password reset, your IP address will be included in the reset email.

How long we retain your data

Suggested text: If you leave a comment, the comment and its metadata are retained indefinitely. This is so we can recognize and approve any follow-up comments automatically instead of holding them in a moderation queue.

For users that register on our website (if any), we also store the personal information they provide in their user profile. All users can see, edit, or delete their personal information at any time (except they cannot change their username). Website administrators can also see and edit that information.

What rights you have over your data

Suggested text: If you have an account on this site, or have left comments, you can request to receive an exported file of the personal data we hold about you, including any data you have provided to us. You can also request that we erase any personal data we hold about you. This does not include any data we are obliged to keep for administrative, legal, or security purposes.

Where we send your data

Suggested text: Visitor comments may be checked through an automated spam detection service.

Save settings
Cookies settings