David Hockney, alla scoperta delle immagini

David Hockney è uno degli artisti più noti e importanti del XX secolo. Pittore, illustratore, incisore, disegnatore, scenografo, è stato uno dei più grandi esponenti della Pop Art e ha usato ogni mezzo per esprimersi, perfino l’iPad.
Perché? Perché l’arte è dominata dalle immagini e le immagini stanno al passo con la contemporaneità. Se ne sostanziano, la vivono, la introiettano. Accanto ad una grande ricerca — ad esempio la sua continua sfida per riuscire a tradurre con esattezza gli sfuggenti riflessi di luce nell’acqua di una piscina — c’è sempre stata la volontà di concentrarsi su nuove forme espressive che lo ponessero oltre quello che aveva fino ad allora sperimentato. Si trattasse di ritratti, di paesaggi, di nature morte o quanto i suoi occhi e le sue mani avessero deciso di cogliere.

Nel 2017 era uscita per Einaudi Una storia delle immagini, poderosa opera nella quale Hockney, insieme al critico Martin Gayford discettava sul mondo dell’immagine finendo per proporre un excursus nell’arte.
Lo stesso schema viene riproposto, questa volta sotto forma di libro illustrato per ragazzi in Alla scoperta delle immagini. Dalle caverne a internet, pubblicato da Babalibri.

David Hockney, Martin Gayford, Rose Blake, “Alla scoperta delle immagini. Dalle caverne a internet”, Babalibri, ottobre 2018
(fonte: babalibri.it)

La casa editrice lo consiglia per una fascia di età dagli 8 anni in su ma la lettura può essere affrontata anche da bambini più piccoli se condivisa con un adulto.
La struttura del libro è particolarmente accattivante. Lo stesso Hockney la presenta come un vero e proprio dialogo, una conversazione, insieme al già citato Gayford, accompagnata dalle divertenti e ironiche illustrazioni di Rose Blake.

David Hockney, Martin Gayford, Rose Blake, “Alla scoperta delle immagini. Dalle caverne a internet”, Babalibri, ottobre 2018
(fonte: babalibri.it)

David Hockney ci tiene a metter subito le mani avanti: le opere non saranno esposte e trattate in ordine cronologico, come ci si aspetterebbe da una storia dell’arte di tipo tradizionale. Inoltre la loro scelta — ci dice — è stata guidata dal gusto personale, quindi un fattore assolutamente soggettivo. Ma è proprio questo che susciterà interrogativi e commenti interessanti, Hockney ce lo assicura.
Inoltre a pag. 118 il lettore può trovare una scheda con gli strumenti che gli artisti che hanno usato nel corso del tempo e le invenzioni dalle quali sono stati influenzati. Mentre alla 122 avrà a disposizione un glossario per scoprire il significato delle parole che non conosce.

Fatte queste premesse, ci si può immergere nel viaggio che l’artista inglese ha preparato per noi. Viaggio che offre degli ottimi spunti, dalla figura di Toro nelle grotte di Lascaux (Francia), datata 15.000-14.500 a.C., alla Civetta di Pablo Picasso del 1952.
Hockney sostiene fermamente che prima di tutto un’immagine è ciò che noi proiettiamo su un determinato oggetto: quello che vi vediamo e come lo percepiamo attraverso la lente dei nostri sentimenti, dei nostri ricordi, dei nostri personali interessi.
Gli oggetti stessi, all’interno dei dipinti, si fanno testimoni di un’epoca o richiamano ad altre immagini, come capita con le stampe giapponesi alle spalle di Père Tanguy nell’omonimo e celebre quadro di Van Gogh del 1887. O con le onde nel Pinocchio di Walt Disney, dove si vede l’influenza di Hokusai.

David Hockney, Martin Gayford, Rose Blake, “Alla scoperta delle immagini. Dalle caverne a internet”, Babalibri, ottobre 2018
(fonte: babalibri.it)

Da qui l’artista inglese ci conduce a parlare di segni, di pittura cinese del duecento, di Rembrandt, del modo di utilizzare il pennello da parte degli impressionisti e della loro corsa contro il tempo per riuscire a cogliere l’ultimo bagliore di luce.
Luci e — altrettanto fondamentali per la resa di un quadro — ombre. I quadri di Michelangelo con i loro grandi contrasti. Proiettare le figure sulla tela da un piccolo foro su un pannello e dipingendole al contrario.
E poi lo spazio, l’invenzione della prospettiva, la sorprendente simultaneità di Pearblossom Hwy, dello stesso Hockney, un assemblaggio temporal-filosofico—estetico di 850 fotografie.
Gli specchi e le immagini riflesse. Il famoso La meninas di Velázquez. Il rapporto fra la pittura e la fotografia, con spunti a dir poco sorprendenti. Le immagini in movimento che ci portano verso il cinema e le nuove tecnologie.

Alla scoperta delle immagini. Dalle caverne ad internet si rivela un giro divertentissimo nella storia dell’arte su un’ideale ruota panoramica, seduti accanto ad un passeggero di tutto rispetto, che ha saputo conquistarsi la candidatura all’edizione 2019 del Premio Orbil.

«Ci sono cose che non cambiano mai. Incredibilmente, alcune immagini resistono nel corso del tempo e nelle diverse culture. Il fatto che l’uomo abbia da sempre prodotto immagini, dai tempi delle caverne e poi fino a oggi tramite tablet, smartphone, computer, è qualcosa di misterioso. Noi amiamo le immagini ed esse conservano un fascino inspiegabile, una magia continua nel tempo e da sì che non scompaiano mai. Né mai scompariranno.»

– David Hockney

David Hockney, Martin Gayford, Rose Blake, “Alla scoperta delle immagini. Dalle caverne a internet”, Babalibri, ottobre 2018
(fonte: babalibri.it)

©ZazieVostok

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. We also share information about your use of our site with our social media, advertising and analytics partners. View more
Cookies settings
Accept
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie name Active

Who we are

Suggested text: Our website address is: https://www.zazievostok.it.

Comments

Suggested text: When visitors leave comments on the site we collect the data shown in the comments form, and also the visitor’s IP address and browser user agent string to help spam detection.

An anonymized string created from your email address (also called a hash) may be provided to the Gravatar service to see if you are using it. The Gravatar service privacy policy is available here: https://automattic.com/privacy/. After approval of your comment, your profile picture is visible to the public in the context of your comment.

Media

Suggested text: If you upload images to the website, you should avoid uploading images with embedded location data (EXIF GPS) included. Visitors to the website can download and extract any location data from images on the website.

Cookies

Suggested text: If you leave a comment on our site you may opt-in to saving your name, email address and website in cookies. These are for your convenience so that you do not have to fill in your details again when you leave another comment. These cookies will last for one year.

If you visit our login page, we will set a temporary cookie to determine if your browser accepts cookies. This cookie contains no personal data and is discarded when you close your browser.

When you log in, we will also set up several cookies to save your login information and your screen display choices. Login cookies last for two days, and screen options cookies last for a year. If you select "Remember Me", your login will persist for two weeks. If you log out of your account, the login cookies will be removed.

If you edit or publish an article, an additional cookie will be saved in your browser. This cookie includes no personal data and simply indicates the post ID of the article you just edited. It expires after 1 day.

Embedded content from other websites

Suggested text: Articles on this site may include embedded content (e.g. videos, images, articles, etc.). Embedded content from other websites behaves in the exact same way as if the visitor has visited the other website.

These websites may collect data about you, use cookies, embed additional third-party tracking, and monitor your interaction with that embedded content, including tracking your interaction with the embedded content if you have an account and are logged in to that website.

Who we share your data with

Suggested text: If you request a password reset, your IP address will be included in the reset email.

How long we retain your data

Suggested text: If you leave a comment, the comment and its metadata are retained indefinitely. This is so we can recognize and approve any follow-up comments automatically instead of holding them in a moderation queue.

For users that register on our website (if any), we also store the personal information they provide in their user profile. All users can see, edit, or delete their personal information at any time (except they cannot change their username). Website administrators can also see and edit that information.

What rights you have over your data

Suggested text: If you have an account on this site, or have left comments, you can request to receive an exported file of the personal data we hold about you, including any data you have provided to us. You can also request that we erase any personal data we hold about you. This does not include any data we are obliged to keep for administrative, legal, or security purposes.

Where we send your data

Suggested text: Visitor comments may be checked through an automated spam detection service.

Save settings
Cookies settings