Le stelle di Jacques Goldstyn

Dall’alto: “Le stelle”, La Nuova frontiera Junior; “Tricot”, LupoGuido Editore; “Bertolt”, LupoGuido Editore

Ho conosciuto Jacques Goldstyn, attraverso, il suo bellissimo libro “Bertolt”, pubblicato qualche anno fa dalla casa editrice LupoGuido. Un albo che descrive la tenera amicizia fra un bambino che fa fatica a conformarsi, a trovare il suo posto nel mondo, ed un’enorme quercia – Bertolt – dal passato centenario e dal ceppo ben piantato nel terreno. Che diventa un labirinto ed una fortezza dal quale si può esplorare la realtà senza essere visti. Sfiorare il reale, rimanendone al riparo. 

Se mi soffermo a pensare ad un autore come Goldstyn quello che mi viene subito alla mente è il termine “radici”. 

Ovvero quanto i legami, fisici, familiari, storici o affettivi, siano una chiave determinante per comprendere i suoi libri.  Quanto le sue pagine si sostanzino di sottili trame, di orditi che sono più o meno manifesti ma che costituiscono di fatto una componente davvero importante della sua produzione, non solo da un punto di vista tematico ma anche da un punto di vista narrativo e come espediente visivo simbolico che si collega strettamente al tema della memoria. 

Sicuramente ritroviamo queste tracce in “Bertolt“: nella relazione forte che si è stabilita nel tempo fra due elementi che ormai abbiamo imparato a guardare come facenti parte dello stesso mondo naturale (l’infanzia e l’albero), sia nel modo “bambino” che molto ha di rituale e di iniziatico nel voler celebrare l’addio del proprio compagno ed insieme serbarne il ricordo.

In “Tricot” il richiamo si fa tangibilmente ancora più forte dato che l’elemento attorno al quale si “snoda” letteralmente la storia è una sciarpa di lana lavorata a maglia da una nonna. Ancora una volta risuona la memoria che attraversa le soglie del tempo, ancora una volta la gestualità a creare ricordi e recuperare un passato che in Goldstyn non è mai retroflessione ma scatto verso il futuro. 

Le stelle“, Jacques Goldstyn, La Nuova Frontiera Junior

In “Le stelle“, l’ultima uscita dell’autore per “La Nuova Frontiera Junior”, un’opera a metà strada fra l’albo illustrato e il fumetto, quello che da subito ci colpisce nel profondo è l’intensità della componente visuale di pagine gravide di blu: il colore del cielo stellato che, Yakov, il protagonista, osserva fin dalla sua infanzia, immaginando di poter diventare – un giorno – un astronauta.

Visitare la luna, marte, infiniti pianeti. Non certo essere droghiere, come il padre. 

Lo stesso sogna Aicha, che ogni pomeriggio siede al parco assorta fra le pieghe del suo libro di astronomia.

Le stelle“, Jacques Goldstyn, La Nuova Frontiera Junior

Lui è ebreo, lei musulmana e i genitori di entrambi non vogliono che i due bambini si frequentino.

Le stelle“, Jacques Goldstyn, La Nuova Frontiera Junior

In questo caso, Goldstyn affronta il tema delle “radici culturali” in chiave nuova. Quanto possono essere fonte di pregiudizio ed ergere muri fra noi e gli altri? 

Le stelle“, Jacques Goldstyn, La Nuova Frontiera Junior

E quanto noi siamo abbastanza solidi, come i nostri piedi, che possono macinare chilometri se è necessario e possono essere bellissimi come quelli di Aicha e che costituiscono simbolicamente le nostre fondamenta, per andare incontro a ciò che davvero desideriamo come fosse il nostro destino?

Le stelle“, Jacques Goldstyn, La Nuova Frontiera Junior

Quanto l’amicizia può essere forte e sopravvivere all’intolleranza? 

Goldstyn ce lo spiega con levità ma senza perdere quella che è la sua forza narrativa, caricando il disegno di una densità emozionale che forse finora l’autore non aveva ancora così finemente tratteggiato. 

Un”Le stelle“, Jacques Goldstyn, La Nuova Frontiera Junior
Le stelle“, Jacques Goldstyn, La Nuova Frontiera Junior

©ZazieVostok

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. We also share information about your use of our site with our social media, advertising and analytics partners. View more
Cookies settings
Accept
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie name Active

Who we are

Suggested text: Our website address is: https://www.zazievostok.it.

Comments

Suggested text: When visitors leave comments on the site we collect the data shown in the comments form, and also the visitor’s IP address and browser user agent string to help spam detection.

An anonymized string created from your email address (also called a hash) may be provided to the Gravatar service to see if you are using it. The Gravatar service privacy policy is available here: https://automattic.com/privacy/. After approval of your comment, your profile picture is visible to the public in the context of your comment.

Media

Suggested text: If you upload images to the website, you should avoid uploading images with embedded location data (EXIF GPS) included. Visitors to the website can download and extract any location data from images on the website.

Cookies

Suggested text: If you leave a comment on our site you may opt-in to saving your name, email address and website in cookies. These are for your convenience so that you do not have to fill in your details again when you leave another comment. These cookies will last for one year.

If you visit our login page, we will set a temporary cookie to determine if your browser accepts cookies. This cookie contains no personal data and is discarded when you close your browser.

When you log in, we will also set up several cookies to save your login information and your screen display choices. Login cookies last for two days, and screen options cookies last for a year. If you select "Remember Me", your login will persist for two weeks. If you log out of your account, the login cookies will be removed.

If you edit or publish an article, an additional cookie will be saved in your browser. This cookie includes no personal data and simply indicates the post ID of the article you just edited. It expires after 1 day.

Embedded content from other websites

Suggested text: Articles on this site may include embedded content (e.g. videos, images, articles, etc.). Embedded content from other websites behaves in the exact same way as if the visitor has visited the other website.

These websites may collect data about you, use cookies, embed additional third-party tracking, and monitor your interaction with that embedded content, including tracking your interaction with the embedded content if you have an account and are logged in to that website.

Who we share your data with

Suggested text: If you request a password reset, your IP address will be included in the reset email.

How long we retain your data

Suggested text: If you leave a comment, the comment and its metadata are retained indefinitely. This is so we can recognize and approve any follow-up comments automatically instead of holding them in a moderation queue.

For users that register on our website (if any), we also store the personal information they provide in their user profile. All users can see, edit, or delete their personal information at any time (except they cannot change their username). Website administrators can also see and edit that information.

What rights you have over your data

Suggested text: If you have an account on this site, or have left comments, you can request to receive an exported file of the personal data we hold about you, including any data you have provided to us. You can also request that we erase any personal data we hold about you. This does not include any data we are obliged to keep for administrative, legal, or security purposes.

Where we send your data

Suggested text: Visitor comments may be checked through an automated spam detection service.

Save settings
Cookies settings